NAS – Guida completa per principianti e quasi esperti

 

Ciao e bentornato! Nel post precedente abbiamo visto cosa sono gli hard disk NAS e quali sono i migliori sul mercato.

Oggi approfondiamo i NAS, le loro caratteristiche principali, i vantaggi e gli aspetti fondamentali per fare l’acquisto giusto.

NAS è l’acronimo di Network Attached Storage e come già accennato, sono dei veri e propri computer che collegandosi alla rete (casa, ufficio, ecc.) permettono di archiviare e condividere dati e file multimediali con gli altri dispositivi come ad esempio tablet, smartphone, smart tv, console o altri computer.

A livello avanzato possono essere configurati per svolgere attività molto interessanti che vedremo più avanti in questo post perciò continua a leggere 🙂

A livello casalingo oltre all’archiviazione dati, la funzione principale che usa l’utente medio è la condivisione in streaming di film, foto, musica e video tra i vari dispositivi all’interno dell’abitazione.

Ma un NAS è ben altro. Vediamo insieme cosa devi guardare prima di acquistarne uno.

Aspetta! Se sei già un esperto puoi andare a leggere direttamente questi articoli sui NAS QNAP e i NAS Synology in cui ti spiego perché secondo noi sono i top del mercato.
NAS QNAP TS-251

Altrimenti continua qui sotto 🙂

Capacità di archiviazione

Stai per fare un investimento e immagino che vorrai comprare un NAS che non sia già pieno zeppo in un paio d’anni. Ricordati che lo spazio non è mai abbastanza. Allora come fare a capire quale NAS comprare perché vada bene ora ma anche tra qualche anno? E soprattutto senza spendere una follia?

È una questione di Bay. Se sei poco esperto, ti stai chiedendo che cavolo vuol dire, ho indovinato? Bay è il termine inglese che indica l’alloggiamento in cui inserire l’hard disk che funzionerà all’interno del NAS.

Occhio adesso!

Più Bay significa più spazio. Un NAS può avere 2, 4, 6 o anche più alloggiamenti. Facendo un rapido calcolo, il taglio più grosso di hard disk che trovi in circolazione è 6TB o al massimo 8TB (ma restiamo sui 6 che sono più comuni) e quindi se il tuo NAS ad esempio ha 2 Bay allora avrai 12TB di spazio totale (2Bay x 6TB = 12TB).

Se consideri che la configurazione in RAID (porta pazienza ne parliamo tra poco) può fregarti anche il 50% dello spazio totale, la scelta più conveniente per avere il massimo della flessibilità sarebbe di acquistare un NAS con diversi alloggiamenti alcuni dei quali non verranno usati subito ma saranno disponibili per futuri upgrade.

Altrimenti un’altra opzione è quella di scegliere un box di espansione come il Synology DX513 che ti permettere di aggiungere altri 5 dischi al tuo NAS. È una scelta più costosa ma sicuramente adatta se ne farai un uso di professionale per una piccola azienda.

RAID NAS

Ridondanza dei dati

Uno dei principali strumenti dei NAS per evitare la perdita dati è la configurazione detta RAID.

RAID (Redundant Array of Independent Disks ) è un sistema usato in varie configurazioni per condividere o replicare informazioni tra un gruppo di dischi rigidi. In RAID è possibile salvare i dati in caso di guasto e migliorare nettamente le prestazioni rispeto all’uso di un solo disco.

Di seguito ti spiego in modo semplice i principali tipi di RAID (tralasciando quelli meno diffusi):

RAID 0 detto striping che permette di collegare due o più dischi “sommando” la capacità degli stessi. Questa configurazione ti fa ottenere il massimo spazio possibile ma è molto pericolosa perché in caso di rottura di un disco il rischio di perdere tutti i dati è molto alto.  Usala solo se non hai memorizzato dati che è fondamentale salvare.

RAID 1 detto mirroring nel quale in 2 o più dischi tutti i dati vengono replicati su ciascun hard disk garantendo il funzionamento del NAS anche in caso di rottura di uno di questi. Il prezzo da pagare per questa sicurezza è la riduzione dello spazio di archiviazione disponibile che sarà uguale a quello dell’hard disk di capienza minore.

RAID 5 che è una delle configurazioni più diffuse in caso di 3 o più dischi nella quale i dati vengono suddivisi tra gli hard disk in un modo detto “a livello di blocco” in cui i dati di parità sono suddivisi uniformemente tra i vari hard disk. Lo spazio totale è dato da una media tra quello di tutti i dischi e nel caso se ne rompa uno il NAS continuerà a funzionare ma con prestazioni inferiori.

Una cosa molto importante che ti devi ricordare per usare la tecnologia RAID è di acquistare dischi tutti dello stesso taglio e possibilmente di lotti diversi (no non è eccessivo). Puoi usare anche capacità di archiviazione diverse ma perderai un botto di GB perché il disco più piccolo è quello che determina lo spazio usabile.

Un possibile rimedio è di acquistare un NAS Synology che dispone di una particolare forma di RAID ibrido che riesce a “matchare” anche dischi di taglio diverso usando tutto lo spazio a disposizione. Questo è uno dei motivi per cui penso che Synology (l’altro è Qnap) sia uno dei vendor migliori in assoluto per i NAS casalinghi.

Connettività con la network

Una delle cose più importanti per un NAS è la velocità con cui fa transitare i dati attraverso la rete in cui è configurato. Sebbene molti ormai supportino la connettività wifi e si comportino in modo egregio anche con lo streaming video come ad esempio il Synology DS213, per muovere grosse quantità di dati è sempre meglio affidarsi a connessioni cablate. Molti NAS orami dispongono di più prese GbE (Gigabit Ethernet) che permettono di configurare più NAS insieme per aumentare lo storage e le performance ma soprattutto per mantenere attivo il collegamento in caso di rottura di una delle porte. Alcuni NAS hanno anche 4 porte GbE e nei modelli di alta gamma raggiungono velocità fino a 10 Gigabit oppure hanno slot di espansione per aggiungere porte ad alta velocità come ad esempio il QNAP TS-563). Questo modello ha 2 porte GbE che possono essere aumentate fino a 4 da 10 Gigabit.

Un altro aspetto molto importante per la connettività del tuo NAS sono le porte USB che ha a disposizione. Sono molto utili per trasferire dati da o verso un hard disk esterno, soprattutto se hai fretta. Per questo motivo sarebbe meglio scegliere NAS con porte USB 3.0 che sono retro compatibili con lo standard 2.0 ma sono molto, molto più veloci (quasi 10 volte di più).

Backup e accesso remoto

Questa è un aspetto importante, soprattutto se fai un uso professionale del tuo NAS e i dati che archivi sono estremamente sensibili. Non considerare il RAID come un modo per fare backup ai tuoi dati. Se vuoi essere realmente sicuro di avere un backup serio del  tuo lavoro non puoi nemmeno pensare ad un hard disk esterno per ovvi limiti di capacità. L’unica soluzione, per quanto ti possa sembrare onerosa è quella di avere un altro NAS che dovrebbe idealmente anche essere installato in un luogo diverso (in gergo tecnico si parla di backup georidondato). In questi casi vengono in aiuto le funzionalità di ultima generazione che permettono a un NAS di archiviare i dati direttamente anche su Cloud verso i principali Cloud Storage Provider sul mercato. Qui ad esempio viene spiegato in modo dettagliato come lo fanno QNAP e Synology (È in inglese, ma sono sicuro che tu non avrai problemi 🙂 ).

Cosa può fare un NAS

NAS media serverCapite le caratteristiche tecniche da valutare è arrivato il momento di vedere che cosa può realmente fare il tuo NAS oltre ad archiviare dati. Tranquillo, userò un linguaggio semplicissimo adatto anche a chi non è un esperto (se sei un nerd o un geek non ti arrabbiare, bisogna aiutare prima chi ne sa meno 😉 ).

Server multimediale: Il tuo NAS ti permette di fare streaming (attraverso il protocollo DLNA) di musica, foto e film direttamente sul tuo smartphone, tablet, Smart TV, console (Playstation, Xbox, ecc.) anche accedendo da remoto via internet. Molti produttori mettono a disposizione app native per i dispositivi mobile da cui puoi vedere i tuoi contenuti salvati sul NAS ovunque tu sia.

Server di stampa: ti permette di controllare le stampanti collegate al tuo NAS da altri dispositivi collegati alla rete.

Server di posta: se preferisci tenere tutte le tue comunicazioni via email “in casa” con questa funzione puoi fare da hosting per le tue caselle di posta e salvarle dentro al tuo NAS.

Download station: questa opzione ti fa scaricare i torrent direttamente sul tuo NAS impostando delle liste di download senza dover tenere il computer acceso. Risparmi energia elettrica (il NAS consuma pochissimo) e in più puoi accedere direttamente ai tuoi file da remoto ogni volta che vuoi.

Cloud privato: se non ti fidi di salvare i tuoi dati sensibili su servizi di cloud storage pubblici come Dropbox, Onedrive, Drive, ecc. puoi configurare il tuo NAS per avere a disposizione i tuoi dati attraverso internet da qualsiasi luogo e dispositivo. Un mini cloud privato come quello che usano molte aziende.

Hosting web: Se vuoi il tuo NAS può fare da hosting per il tuo sito internet o per quello di amici o clienti. Avrai così il pieno controllo sull’intera infrastruttura senza abbonamenti annuali per l’hosting provider. È anche compatibile con i principali CMS sul mercato (es. WordPress) che lavorano linguaggio php e database mysql.

Server di sorveglianza: Hai presente le telecamere IP o quelle USB che permettono di trasmettere il segnale video attraverso internet? Con un NAS puoi salvare i tuoi video e accedere ai filmati o alle riprese in diretta, da qualsiasi computer fuori casa.

Ci sono mille altri servizi che puoi utilizzare su un NAS ma con questa guida non voglio scendere troppo sul tecnico e preferisco parlare delle cose principali che interessano alla maggior parte dei lettori. Come ho scritto prima, esperti all’ascolto portate pazienza 🙂 .

Quale hard disk NAS

Quali hard disk inserire sul tuo NAS

All’inizio di questo articolo trovi il link ad un post dettagliato sugli hard disk NAS dove ti spiego bene quali sono i migliori (WD Red) e quali caratteristiche tecniche devono avere. Non te lo sarai mica perso vero?

Siamo giunti al termine di questa lunga guida sul mondo NAS. Ti è stata utile?

Spero proprio di sì. Ora che sai come orientarti nel mare di dispositivi e funzionalità che trovi sul mercato, sei pronto a fare la tua scelta.

Qui sotto trovi una lista di NAS per uso domestico con il migliore rapporto qualità prezzo, molti dei quali sono stati provati personalmente dal nostro team e di cui siamo anche felici possessori.

Come al solito, ci si becca qui in giro. Al prossimo post!

Search

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi